CANCELLI E INFERRIATE

Romaine Brooks-Jean Cocteau

Romaine Brooks, Jean Cocteau à l’époque de la grande rue, 1912
Romaine Brooks, Autoritratto

La signora Brooks è la squisita pittrice dei cancelli grigio ferro che incombono in una città del nord e ai quali si appoggia un personaggio malinconico. Il giovane Jean Cocteau appoggia il suo arabesco in filo di ferro contro la distesa grigia sulla quale si taglia la torre Eiffel […] E nei suoi appartamenti la signora Brooks mette piccole inferriate alle finestre per tener lontana l’umanità che la delude e lei stessa non sa più chi è la prigioniera.Una mirabile arte del disegno, prova di seri e lunghi studi, e dei colori… Se possono dirsi colori queste tinte livide, bianche o nere, con le quali modella i suoi personaggi che si rassomigliano fra loro, si rassomigliano tristemente nel momento in cui un’amarezza segreta mette sul loro volto la nobiltà dei rimpianti. (Elisabeth de Gramont, “Ricordi di un tempo perduto 1890-1940”)

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Spettacolo, Citazioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a CANCELLI E INFERRIATE

  1. lucamadeus ha detto:

    ci si perde sempre piacevolmente tra i meravigliosi meandri del tuo blog: cultura e intelligenza a piene mani

    grazie mille dei tuoi complimenti per la mia esecuzione, Gabriella

    “Deve essere molto bello anche suonato da solo violoncello…mi piacerebbe ascoltarlo”
    Renato Insinna l’ha scritto per piano, non credo esista il corrispettivo per violoncello, però posso chiederglielo

    un abbraccio, buon we
    L.

  2. cochina63 ha detto:

    Trovo che ti assomigki questa pittrice… Cmq quando vengo qui da te mi prende lo sconforto: quante cose non conosco… che peccato per me.

  3. gabrilu ha detto:

    @ Luca grazie, ma nemmeno tu scherzi, col tuo blog…
    Per il brano di Insinna: sapendo che si tratta di un violoncellista avevo pensato che quella eseguita da te fosse una trascrizione per pianoforte di una partitura originaria per violoncello, avevo capito male

    Cinzia-cochinae parli proprio tu che sai fare quello che io più invidio al mondo, cioè suonare???

    P.S. Un pianista ed una violinista capitati assieme nello stesso post, guarda un po’… 🙂

  4. cochina63 ha detto:

    è un piacere passare di qui, il tuo blog è bello da guardare e da leggere, ma bisogna prendersi del tempo, cercherò di recuperare sui prossimi post…

  5. gabrilu ha detto:

    Gabri, disposta a darti lezioni di violino in cambio di lezioni di… tutto il resto?
    Sono andata a curiosare anche da Luca…

  6. annaritav ha detto:

    Grazie, barbara68 sei molto gentile 🙂

    Grazie anche a te Cinzia-Cochina, spero proprio di poterti ascoltare dal vivo, prima o poi 🙂

  7. Anonimo ha detto:

    Sempre più belle queste intersezioni di arte, di musica e di libri che si rincorrono da un blog all’altro, momenti nei quali si sviluppa il piacere di mettere a disposizione degli altri materiale che si immagina sia gradito e di interesse. Davvero appassionante, è necessario rubare sempre più tempo alle altre cose per leggere, appuntare, ascoltare, guardare… ;-P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...