REGINA DELLE NOTE

Il flauto magico di Mozart.
L’aria "Der Hölle Rache" (comunemente detta "l’Aria della Regina della Notte") interpretata da Diana Damrau, cantante che — confesso — ho scoperto da poco e che trovo bravissima vocalmente e scenicamente strepitosa.

Mi piace particolarmente in due performances e le metto entrambe perchè francamente non sono ancora riuscita a capire quale delle due preferisco.

Spero che Baricco non se la prenda troppo se non s’è tagliato il bellissimo recitativo originale di Shikaneder  . Non che io sappia il tedesco, purtroppo (sospiro). Però è una lingua che trovo estremamente musicale, conosco la traduzione in italiano del testo e sono felice così.

  • Festival di Salisburgo 2006. Un’edizione dello Zauberflöte che mi ha — se non fatto dimenticare — almeno rimuovere lo scempio che, invece, nello stesso Festival hanno fatto del Don Giovanni.
  • Pamina è Genia Kühmaier, direttore d’orchestra il nostro Riccardo Muti  

  • Royal Opera House Covent Garden – dir. Colin Davis, Pamina Dorothea Röschmann
  • Diana Damrau
  • Su Operaclick le recensioni del Flauto magico e del Don Giovanni al Festival di Salisburgo 2006
  • Informazioni su gabrilu

    https://nonsoloproust.wordpress.com
    Questa voce è stata pubblicata in Arte e Spettacolo, Musica. Contrassegna il permalink.

    19 risposte a REGINA DELLE NOTE

    1. MariaStrofa ha detto:

      In video conoscevo due edizioni, quella di Levine e quella svizzera.

      Con Levine è Renata Serra che fa l’aria Regina della notte.

      la svizzera non ricordo ma non vado a guardare, di quelle edizioni ammodernate dove dove quando papageno fa papageno rutta e si rivolge al direttore d’orchestra che trasecola e giù a ridere. ma dài…

      mi immagino un toscanini io…

      Diana Damrau personalità recitativa straordinaria, come dici, e anche vocalmente!

      ciao 🙂

    2. amfortas ha detto:

      La Damrau è una grandissima belcantista, se si gestisce bene (finora è stata oculata) ne sentiremo parlare per molto.
      Ciao.

    3. SENZAQUALITA ha detto:

      stupenda cantatrice (grazie del duplice regalo)

    4. oyrad ha detto:

      Ma… ma è una tigre! Groaaarrrr…

    5. gabrilu ha detto:

      MariaStrofa in effetti anche quella di Luciana Serra (dir.Levine) è ottima, ma questa di Diana ormai la strabatte alla grande, secondo me.. Ha polverizzato tutte le altre Regine precedenti

      Amfortas è quello che mi auguro anche io (e cioè che Diana sappia amministrare la sua voce e la sua presenza). Il peggior nemico dei cantanti e dei solisti-strumentisti di oggi è che vengano spremuti come limoni da case discografiche e circuiti teatrali e che si brucino in breve tempo. Speriamo che non le succeda la stessa cosa

      Gabryella 🙂

      oyrad questa 2a aria della Regina della Notte deve essere così: molto aggressiva e con le unghie sfoderate. Deve fare tutto il contrario di come fa nella 1a aria “O zittre nicht” qui cantata ancora da Luciana Serra in cui la Regina Astrifiammante si presenta molte dolce, molto materna

    6. annaritav ha detto:

      Soliti problemi con YouTube. Ho visto e sentito il primo pezzo con qualche difficoltà, sul secondo mi è andato in pazzia il collegamento Internet. Comunque ho potuto gustare almeno la prima interpretazione. L’aria della Regina della Notte è una delle mie preferite, da bambina l’associavo alla gioia, forse per quei gorgheggi che trovavo strabilianti…
      ;-P

    7. amfortas ha detto:

      Però la versione di quest’aria che è in viaggio nell’infinito è quella di Edda Moser, lo sapevi?
      Ciao e grazie 🙂

    8. gabrilu ha detto:

      annarita, mi spiace, ma in genere, problemi di visualizzazione con Youtube mi risulta siano dovuti a tre fattori (decidi tu quale può essere il tuo):
      – il browser (meglio Mozilla FireFox)
      – devi aver installata l’ultima versione di Flash Player (scaricarlo ed installarlo è semplicissimo)
      – devi ovviamente avere una buona connessione ADSL

      Amfortas ma certo, perdindirindina e poffarbacco!!!
      Ma certo che Edda Moser è la meglio Regina della Notte della storia, sono arci-stra-d’accordo (se vuoi te lo riscrivo in maiuscolo). Non per nulla la NASA l’ha spedita su Marte.

      E’ lei che mi fece scoprire le meraviglie del Flauto, è lei che posseggo sia in vinile che in CD remastered. E’ lei che adoro.

      Però non ho trovato niente di lei su Youtube. Almeno fino ad ora. E non sono sicura che se anche la trovassi utilizzerei il video. Lei apparteneva ad una generazione in cui si badava alla oce, più che a come muoversi sul palcoscenico e a come atteggarsi di fronte ad una (tele)camera.

      Bisogna andare avanti.
      La Moser di oggi per me è Diana Damrau. Che è tale perchè prima di lei c’è stata Edda Moser (e la Damrau lo sa ed ha fatto tesoro dell’insegnamento e adesso cerca di superare la Maestra 🙂

    9. utente anonimo ha detto:

      Gabrilulù!!! Vado di “presto” tornerò con calma da te, non so’ perché ma oggi pensavo a te, mah, chissà perché! Limi.

    10. sgnapisvirgola ha detto:

      Che godimento estremo! L’abito verde mi piace da impazzire:) Grazie Gabry, io passo e mi sento meglio:)

    11. erremme ha detto:

      mozart è talmente creativo che ogni esecutore acuto lascia il segno.. possiedo una vecchia edizione in LP (vinile storico della vecchia FONTANA) che tra fruscii e saltellini è un incanto di note nel tempo! ciao amica che avverto lontana e mi spiace moltissimo..

    12. Harion ha detto:

      mia madre ieri ha preteso che gliela cantassi a freddo, così, perchè l’aveva sentita sull’mp3…una delle mie arie preferite, avoja a te prima che riuscirò a cantarla…ho commantato prima di vedere i video perciò CORRO a sognarci sopra!!

    13. gabrilu ha detto:

      Limi allora d’accordo, ti aspetto quando sarai almeno in “andante moderato” 🙂

      sgnapisvirgola devo dedurre che Mozart è anche terapeutico? Beh, si, è vero, hai ragione 🙂

      erremme i dischi in vinile hanno sempre un grande fascino, certamente.

      Harion che dirti se non “sogni d’oro”? 😉

    14. Harion ha detto:

      dunque da dove cominciare…mumble…tra le due cantanti (ho visto anche Luciana Serra) c’è una differenza abissale! Da amante (e praticante) del teatro, posso dire,anzi urlare,che Diana Damrau è Bravissima, ha una fortissima presenza scenica(grazie, è la regina della notte…), una carica emotiva che manca del tutto (o almeno per quel che ho visto) alla Serra, la quale fa sfoggio di una grandissima tecnica ma di una voce molto meno limpida rispetto alla Damrau!(limpida non nel senso di potenza, per carità, è altissima; ma le parole sono meno scandite rispetto alla perfetta dizione di D.D) La voce di quest’ultima,però, mi lascia un po’ perplessa perchè abituata alla mia versione, l’ho trovata un po’ più spenta, con il fiato spezzato in punti poco opportuni (cosa che succede benissimo anche a me, ma io sono una pivellina che s’atteggia a critica….)scerzi a parte, non mi piace del tutto il suo picchettato (che è la tecnica che si una in quest’aria e sulla quale ancora mi esercito col dizionario sul diaframma…) per carità, è un mostro, meravigliosa, ho solo esperesso un’opinione, non mi linciate!!

    15. sgnapisvirgola ha detto:

      Mozart mi piace tanto, ma passo di qui, e tra libri, balli e opere mi sento meglio. Grazie vè!:)

    16. gabrilu ha detto:

      Harion linciaaaaarti?!?! Ma scherzi!? Cioè voglio dire: accade che io metto un post con due – video – due (che io già tremavo perchè uno mi pareva già troppo e temevo di abusare della vostra santa pazienza), arrivi tu e non solo te li guardi ma ti prendi pure la briga di commentarli entrando nel merito …. e io dovrei linciarti?!
      Ma io non solo ti ringrazio, cara Harion, ma mi prenoto il biglietto in prima fila per quando sarai TU a interpretare la Regina della Notte…

      sgnapisvirgola 🙂

    17. Harion ha detto:

      Gabrilu puoi stare tranquillissima perchè per ora non se ne parla proprio! Ho ancora moltissima strada da fare..però,visto che si parla di Mozart ti dico,anzi racconto, che ho iniziato già da due lezioni a studiare Le Nozze di Figaro ma solo le Arie e i recitativi di Susanna…la mia insegnate mi ha prestato l’opera dove ad interpretarla è Lucia Popp (non mi ricordo se sia proprio lucia ma Popp sicuro ^^)le Arie sono davvero belle! “Venite inginocchiatevi” è simpaticissima, frizzante, con un Re veramente maledetto(troppo basso per me)nel mezzo! A parte questo…per la prossima settimana devo studiare “Deh, vieni non tardar” è veramente bella…..ma perchè ti ammorbo così tanto??Il fatto è che sei un intenditrice,mi piace parlare con qualcuno che apprezzi veramente la lirica…

    18. utente anonimo ha detto:

      wilma lipp è  la regina della notte, ha registrato 40 volte questo ruolo . è bravissima.

    19. gabrilu ha detto:

      Anonimo #18
      Anch’io la trovo straordinaria, la Lipp.
      Nei CD che posseggo io, invece (Klemperer, Janowitz,  Gedda, Berry), la Konigin è interpretata  da Lucia Popp, molto brava anche lei.

      Una delle cose che mi piace di più del personaggio  — a parte la musica, ovviamente — è la sua ambiguità e sostanziale inafferrabilità: un personaggio  che  si può interpretare in decine di modi diversi. E infatti ci sono  molti eccellenti  interpetazioni   molto diverse  tra loro  ma tutte ottime. Su YouTube  se ne possono vedere (ed ascoltare) parecchie.

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo di WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google photo

    Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...