IL TERZO OCCHIO

Giovanni Paolo Pannini
Vedute di Roma moderna (1758)

Leggendo in questi giorni la pagina dell’epistolario di Tomasi di Lampedusa in cui egli parla di una sua visita alla Tate Gallery di Londra e delle sue impressioni davanti ai nove ritratti della famiglia Wertheimer dipinti da John Singer Sargent o, ancora, la deliziosa nota di Carlo Emilio Gadda su due ritratti di Gioacchino Murat, e pensando a quanto innumerevoli siano i narratori e i poeti nelle cui pagine troviamo riferimenti alla pittura (Proust, Baudelaire, Huysmans, Flaubert e tanti tanti altri ancora, impossibile elencarli) mi è tornato in mente un saggio del 1925 di Virginia Woolf dal titolo Visitando una galleria – Quadri dedicato proprio al rapporto tra letterati e pittura. Ne riporto qui due passaggi.

Uno scrittore ha bisogno di un terzo occhio, il cui scopo è di aiutare gli altri sensi quando questi vengono meno. Ma non è per nulla sicuro che egli possa imparare qualcosa, direttamente, dalla pittura. Infatti si direbbe che, di tutti i critici di pittura, gli scrittori sono i peggiori: i più esposti al pregiudizio e alla distorsione. Se ci avviciniamo a uno scrittore, in una galleria di pittura, e una volta vinta la sua diffidenza gli chiediamo di dirci onestamente che cosa gli piace in quei dipinti, finirà col confessare che non è affatto l’arte della pittura. Cercano qualcosa che possa loro tornare utile. Soltanto così, quelle lunghe gallerie […] diventano per loro sorridenti passeggiate, luoghi ameni pieni di uccelli, santuari dove regna supremo il silenzio”.

Tenier
D. Tenier
La galleria dell’arciduca Leopoldo Guglielmo a Bruxelles
Ma gli scrittori […] non hanno la coscienza tranquilla. Nessuno meglio di loro sa, si dicono sottovoce, che non è così che si devono guardare i dipinti; che i letterati sono irresponsabili libellule, semplici insetti, bambini che distruggono capricciosamente le opere d’arte, staccando un petalo dopo l’altro. In breve, farebbero meglio ad andarsene, perchè qui, aprendosi come con i remi una strada attraverso le acque, con lo sguardo distratto, astratto, contemplativo, arriva il vero pittore; e mettendosi frettolosamente in tasca il bottino che sono riusciti a racimolare, gli scrittori scappano via, per non venire scoperti con le mani nel sacco e costretti a subire la massima punizione, la più squisita delle torture: dover guardare i quadri con un pittore”.

(Virginia Woolf, Visitando una galleria – Quadri)

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Spettacolo, Citazioni, Cose varie, leggere e scrivere e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IL TERZO OCCHIO

  1. oyrad ha detto:

    Eh… quanti ricordi smuove questo post! I dipinti qui da te esposti li avevo studiati per un esame che prevedeva, come argomento, la storia delle mostre d’ arte – da questo esame è poi “saltata fuori” la mia tesi di laurea. Il corso iniziava con la lettura delle pagine proustiane sulla “Veduta di Delft”… e tornava poi indietro per ripercorrere le esposizioni d’ arte più famose tra Otto e Novecento.

    Su questo argomento mi piace suggerirti un volume da poco uscito presso l’ editore Skira. “La nascita delle mostre” di Francis Haskell. Costa un po’, ma pur sempre poco rispetto ai prezzi consueti dei libri d’ arte. Lo consiglio caldamente, con il cuore. Haskell – scomparso nel 2000 – è stato un grandissimo storico dell’ arte. I suoi magnifici libri sulla storia del gusto sono introvabili… persino su Maremagnum… E se si trovano, vengono venduti a cifre inaudite! Tra l’ altro il libro si conclude proprio con la visita di Proust alla mostra del Jeu de paume dove, appunto, era esposta “La veduta di Delft”🙂

    Su V.Woolf ho in serbo qualche chicca “artistica” che tengo in caldo in vista di nuovi argomenti da trattare sul mio blog – mi manca moltissimo…😦

    Grazie per questo post, che mi ha fatto ripensare a cose molto belle…

  2. gabrilu ha detto:

    Oyrad
    Le tue segnalazioni libresche sono sempre eccellenti, grazie🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...