IL TIMBALLO DI MACCHERONI

Ne Il Gattopardo, Tomasi di Lampedusa racconta che ogni anno, da generazioni, quando arrivava la bella stagione i principi di Salina si trasferivano da Palermo nel loro palazzo di Donnafugata.

In occasione del loro arrivo si riapriva la casa, e una cena solenne veniva offerta per accogliere gli amici di sempre e ribadire il potere immutato del principe.

“Il principe aveva troppa esperienza per offrire a degli invitati siciliani in un paese dell’interno, un pranzo che si iniziasse con un “potage”, e infrangeva tanto più facilmente le regole dell’alta cucina in quanto ciò corrispondeva ai propri gusti. Ma   le informazioni sulla barbarica usanza forestiera di servire una brodaglia come primo piatto erano giunte con troppa insistenza ai maggiorenti di Donnafugata perchè un residuo timore non palpitasse in loro all’inizio di ognuno di questi pranzi solenni.

Perciò quando tre servitori in verde, oro e cipria entrarono recando ciascuno uno smisurato piatto d’argento che conteneva un torreggiante timballo di maccheroni, soltanto quattro su venti persone si astennero dal manifestare una lieta sorpresa: il principe e la principessa perchè se l’aspettavano, Angelica per affettazione e Concetta per mancanza di appetito.

Tutti gli altri (Tancredi compreso, rincresce dirlo) manifestarono il loro sollievo in modi diversi, che andavano dai flautati grugniti estatici del notaio allo strilletto acuto di Francesco Paolo. Lo sguardo circolare minaccioso del padrone di casa troncò del resto subito queste manifestazioni indecorose.

Buone creanze a parte, però,  l’aspetto di quei babelici pasticci era degno di evocare fremiti di ammirazione. L’oro brunito dell’involucro, la fraganza di zucchero e di cannella che ne emanava non erano che il preludio della sensazione di delizia che si sprigionava dall’interno quando il coltello squarciava la crosta: ne erompeva dapprima un vapore carico di aromi, si scorgevano poi i fegatini di pollo, gli ovetti duri, le sfilettature di prosciutto, di pollo e di tartufi impigliate nella massa untuosa, caldissima dei maccheroncini corti cui l’estratto di carne conferiva un prezioso color camoscio.”

(Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo)

In Sicilia esistono varie versioni del timballo di maccheroni (detto anche “Gattò a’ francisi”, dal francese “gateau”).

La cucina siciliana dell’aristocrazia ha molti piatti provenienti dalla tradizione culinaria francese. Viene chiamata “la cucina del Monsù”, storpiatura del vocabolo francese Monsieur. In questo caso per “Monsù” si intendeva il Cuoco, lo Chef.
Questa ricetta del timballo è dell’ Ottocento, e la scelgo perchè credo sia quella che si avvicina di più al “torreggiante  timballo”, al “babelico pasticcio”  offerto dal principe di Salina ai suoi ospiti di Donnafugata.

TIMBALLO DI MACCHERONI detto anche GATTO’ A’ FRANCISI


Ingredienti per 6 persone
400 ml sugo di carne, va bene l’estratto
1/2 pollo, lessato
100 g funghi
100 g fegatini di pollo
200 g prosciutto cotto, tagliato a striscioline
100 g di salsiccia
120 g pisellini mignon, lessati al dente
burro
500 g maccheroni
parmigiano grattugiato
3 uova sode a fette
sale e pepe
un tartufo nero
Per la pasta frolla
400 g di farina
200 g di zucchero
200 g di burro, a temperatura ambiente
sale e cannella un pizzico
4 tuorli d’uovo
Per la crema pasticcera
3 cucchiai di zucchero
3 tuorli d’uovo
2 cucchiai di farina
sale e cannella, un pizzico
1/2 litro di latte

Per prima cosa preparate la pasta frolla impastando velocemente con le mani tutti gli ingredienti in modo da ottenere un composto omogeneo e lasciatela riposare un’ ora coperta con un panno in frigorifero.

Procedete poi a preparare la crema pasticcera che coprirete con la pellicola trasparente fino al momento dell’uso.

Preparate poi delle polpettine, grandi come nocciole, con 200 g di carne tritata di pollo lesso mescolata a 1 uovo, 100 g di prosciutto cotto, 2 cucchiai di parmigiano, prezzemolo tritato e un pizzico di sale. Friggetele in abbondante olio e tenetele da parte. Fate insaporire in un po’di burro il pollo ed il prosciutto rimasti, tagliati a striscioline; aggiungete i fegatini, le salsicce, i funghi, le polpettine, i pisellini e cuoceteli per qualche minuto.
Trasferiteli poi in una casseruola con qualche cucchiaiata di succo di carne e fate cuocere ancora per qualche minuto in modo che i sapori si mescolino bene.
Lessate nel frattempo i maccheroni molto al dente, scolateli e conditeli con il sugo di carne, il burro, abbondante parmigiano e fateli raffreddare.

Imburrate una tortiera ad anello di 30 cm di diametro e ricoprite il fondo ed i bordi con un terzo della pasta frolla che avrete steso sottile, circa 1/2 cm. E’ importante che la pasta sporga un po’dai bordi in modo che con facilità possiate chiudere il timballo con l’altro disco di pasta.

Disponeteci sopra metà dei maccheroni, distribuiteci sopra la finanziera di carne, le uova, spolverizzate con il parmigiano e il tartufo nero a lamelle, infine coprite con il resto dei maccheroni a cui darete una forma leggermente a cupola sulla quale verserete la crema pasticcera che farete penetrare bene.

Ricoprite il timballo con la pasta frolla avanzata premendo bene i suoi bordi per farla aderire alla prima.

Spennellate la sua superficie con dell’uovo sbattuto e fate cuocere per circa 45 minuti nel forno a 180 gradi.

Prima di togliere l’anello, lasciatelo riposare per 5 minuti e servitelo subito.

Ho trovato molte  foto del timballo  di maccheroni, ma nessuna che mi soddisfacesse tanto da pubblicarla.

Perciò che si   dia libero   sfogo all’immaginazione, che quella sì, che non ci delude mai…

Visconti -  Il Gattopardo

Le immagini sono tratte dal film Il Gattopardo di Luchino Visconti (1963)

Advertisements

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Citazioni, Cose varie, Libri, Sicilia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a IL TIMBALLO DI MACCHERONI

  1. Moher66 ha detto:

    Quasi quasi vado a provare questa ricettina per il pranzo, così, per fare una cosettina semplice e veloce :-))
    Cara Gabrilu, questa ricetta è un’opera d’arte..
    Tantissimi auguri di Buon Anno Nuovo!
    Elena

  2. gabrilu ha detto:

    Elena
    si, fai bene, è molto adatta per uno spuntino veloce 😉
    Cmq, ormai il timballo di maccheroni in questa versione elaborata e super-iper-calorica-colesterolica non lo fa e non lo mangia più nessuno…
    Questo è un vero e proprio reperto dell’archeologia culinaria.

    Il Gattopardo riserva ancora altre squisitezze, che prima o poi penso vi farò gustare (ehm, si fa per dire, nevvero) 🙂
    Ciao e Buon Anno anche a te!

  3. talpastizzosa ha detto:

    Ciao Gabriella volevo augurarti un buon 2009 con tante entusiasmanti letture e interessanti visioni… e tanti viaggi in Germania… compreso Monaco a ottobre 🙂 tanti auguri di nuovo…

  4. oyrad ha detto:

    Ho letto questo tuo gustosissimo post… e che FAME m’ è venuta! O___O

    D’ ora in poi terrò pronto, sull’ angolo libero della scrivania, un piattino di pasticcini… da tenere a portata di mano prima di “entrare” nel tuo blog… non si sa mai quale nuova DELIZIA possa venir fuori dalla tua fucina/cucina letteraria… MMMMMMMMMMMMMM ^_____^

    Ho proprio di recente ripensato alla cucina siciliana – e in particolare alla pasticceria – leggendo alcune osservazioni di Pollan sulla “dolcezza”, sul fatto che la possibilità di assaporare qualcosa di dolce fosse estremamente rara in passato (e fino a non molti anni fa!) mentre per noi oggi è qualcosa di banalmente quotidiano: da qui la “sacralità” di questo sapore, e di molte pietanze a base di zucchero, dei dolci delle feste, etc. E’ una cosa che, per quanto ovvia e scontata, non avevo mai del tutto “realizzato”… mumble…

    Cara Gabriella, approfitto hic et nunc di questo mio commento per farti i miei più Sinceri Auguri per un LIETISSIMO Anno Nuovo!

    Buon 2009! Oy 🙂

  5. gabrilu ha detto:

    Talpa
    Grazie grazie grazie e Buon Anno anche a te 🙂

    Per la Germania sto studiando, eh. Non credere ^__^
    Speriamo che tutto fili secondo i (miei) piani che vado prestabilendo ^__^

    Oyrad
    La cucina siciliana ha due cose che trovo insuperabili e che dovunque vada mi trovo sempre a rimpiangere: il pane e i dolci.
    I dolci mi piacciono ma non sono particolarmente golosa, li mangio quando me li trovo davanti, non li cerco.
    Però anche solo entrare in una pasticceria in Sicilia è già un trionfo per gli occhi!
    Ciao bello 🙂

  6. annaritav ha detto:

    Non ci posso credere! La crema pasticciera sul timballo di maccheroni!
    Se questa ricetta non provenisse dal tuo autorevole blog, inorridirei! A parte gli scherzi, con la sua sontuosita figura degnamente su una tavola principesca.
    Approfitto dell-occasione per augurarti un 2009 scoppiettante, ricco di tutto quello che desideri.
    Un abbraccio, Annarita

  7. gabrilu ha detto:

    Annarita
    Guarda che la tenutaria di questo “autorevole blog” (seee, seee, prendimi pure in giro) cioè io ha solo, come sempre, copyato e incollato.
    Che ci vuoi fare… Son sublimazioni di casalinga e cuoca falllita. :-/
    La ricetta è vera e, se posso dire…. un paio di volte nella mia vita ho avuto la fortuna e l’onore di mangiare il “vero” timballo di maccheroni. Cioè questo. E ti assicuro che i gridolini di Tancredi e di Padre Pirrone son tutti giustificati.
    Il vero timballo di maccheroni è semplicemente sublime.

    …Cara Annarita, ne abbiamo parlato a proposito del cioccolato con salsicce e/o conigli: non bisogna lasciarsi atterrire da accoppiamenti culinari che riteniamo, d’istinto, esser poco gudiziosi.

    In fondo, noi tutti mangiamo le uova.
    E che cos’è un uovo, se non… ehm… devo proprio entrare in particolari? 😉

    Abbraccioni anche a te.

    P.S. Non oso pensare cosa penseresti di me se ti dicessi che uno dei miei piatti preferiti è il maiale all’Alentejana.

    E cioè maiale con le vongole.

    Uno dei piatti più gustosissimi del Portogallo.

    No, non te lo dico. Però se proprio insisti ti do la ricetta (…slurp)

  8. utente anonimo ha detto:

    Ciao Gà,

    uso questo piccolo spazio per un augurarti un buonissimo 2009.
    Roberto Bonuglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...