GIOCARE CON LA VITA PER TUTTI I NOVANT’ANNI

Fernanda Pivano

Fernanda Pivano, nel suo ultimo articolo comparso sul Corriere della Sera lo scorso 18 Luglio, giorno del suo 92 compleanno:

“Posso confidarvi che l’ ultima volta che ho incontrato Gore Vidal per la presentazione di un suo libro, nel gennaio 2007, io ero appena uscita da un ricovero in ospedale e lui camminava aiutandosi con un bastone. Ma a cena, quando gli ho chiesto cosa potremmo fare insieme, lui mi ha risposto: «Let’ s make a baby – facciamo un bambino». Forse è questo il segreto per riuscire a sopravvivere anche a questa età. Forse è questo il segreto del vecchio Suonatore Jones dello Spoon River caro alla mia giovinezza «che giocò con la vita per tutti i novant’anni»

Il testo integrale dell’articolo La mia giovane vecchiaia e il dono di Gore Vidal di Fernanda Pivano si può leggere >> QUI

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Citazioni, Libri, presi dalla rete e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a GIOCARE CON LA VITA PER TUTTI I NOVANT’ANNI

  1. oyrad ha detto:

    Ho sempre trovato bellissimo il sorriso di Fernanda Pivano.

    L’articolo del Corriere, tra l’altro, presenta due splendide immagini fotografiche – stupenda, in particolare, quella con Alice Toklas.
    Peccato che siano pubblicate in un formato talmente piccolo da risultare quasi illeggibile – per tutela del copyright, immagino…

  2. talpastizzosa ha detto:

    E pensare che grazia a lei che sono diventata una lettrice o meglio da un suo articolo dove parlava di Bukowski.

  3. paperis ha detto:

    Io, invece, ogni volta che penso a Fernanda Pivano, penso alle lettere che le scriveva Pavese, a quella in cui ne fece un’ ‘analisi amorosa’ e ne intuì il terrore di legarsi a qualunque creatura, persino a un gatto (ma la Pivano aveva allora 22 anni).
    Pure sono d’accordo con Oyrad: un sorriso così bello non riesco ad immaginarlo sul viso di una persona che non conosca, e molto bene, l’amore.

  4. annaritav ha detto:

    Stupendo articolo, si sente la vita serpeggiare ancora così piena di vigore. Oh, le letture giovanili di Kerouac e Ginzberg. Ho un solo rimpianto, ci siamo accostati a loro perché in quegli anni era di moda farlo, ma ci è servita l’età matura per capire e apprezzare. E aggiungo anche Gregory Corso, recentissima scoperta.
    Salutissimi, Annarita

  5. gabrilu ha detto:

    Oyrad
    In rete ci sono parecchie foto che ritraggono FP in compagnia degli autori americani da lei conosciuti e frequentati ma io ho scelto questa foto perchè lei è sola, ha lo sguardo rivolto in alto, perchè è una foto che mi trasmette un senso di ottimismo e di amore per la vita, perchè mi piacciono i colori …
    Sicuramente è una foto più “pensata” e “costruita” di altre, ma a me piace 🙂

    Paperis
    Non conosco le lettere di Pavese di cui parli, ma la sola idea di Pavese-Maestro di Vita che ammannisce a chicchessia lezioni d’amore e di relazioni (alla Pivano, poi…) scusami tanto, ma mi fa sorridere.
    Non è per caso ci avesse anche un pizzico di gelosia, nei confronti di questa giovane donna che razzolava nel suo stesso campo della letteratura americana e che si dimostrava già una temibile “concorrente”? Pensierino maligno, eh.

    Talpa ed Annarita
    La letteratura che amava tanto Fernanda Pivano non è mai stata la “mia” letteratura. A parte l’eccezione di Spoon River (ma ci vuol poco, quello piace a tutti) non sono mai riuscita a leggere più di dieci pagine dei vari Ginsberg, Bukowski, Ferlinghetti nè a digerire l’osannato “On the road” di Kerouac ( dire che lo lessi nel periodo anagrafico e storico che avrebbe dovuto essere quello giusto, ma niente da fare). Detesto Henry Miller.
    Perdonatemi.
    Tutto questo non mi ha mai impedito però di avere una enorme ammirazione per Fernanda Pivano, di apprezzare la sua scrittura, di avere simpatia per lei.
    Certo, a volte mi capitava di pensare: “peccato che non sia una francesista, o un’anglista, o una slavista, o una germanista e che stia invece appresso a quelli lì”.

    Ma la mia è solo una piccola ed innocua provocazione. Prendetela come tale 🙂
    Sono certa che anche la Nanda avrebbe sorriso…

  6. talpastizzosa ha detto:

    certamente avrebbe sorriso … e comunque di tutti quelli che hai scritto piaceva solo Bukowki. 🙂

  7. gabrilu ha detto:

    Talpa
    Intanto tiro un sospiro di sollievo vedendo che sorridi anche tu 😉
    A proposito, ti stai già preparando alla partenza?

  8. talpastizzosa ha detto:

    cara gabrilu la partenza è per il 9 settembre ma non vado in germania … quest’anno ha “vinto” mio marito, secondo te un uomo del sud in questo momento storico italiano qual’è il paese che invidia di più? è molto facile!!!

  9. gabrilu ha detto:

    Talpa
    Sarà facile ma io non indovino 0__0
    Fosse per me, in questo momento storico avrei una lista di almeno cinque o sei altri Paesi in cui preferirei vivere piuttosto che in Italia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...