IL VENTRE DI NAPOLI E ALTRE STORIE – MATILDE SERAO

Matilde Serao

Trovo vergognoso che una scrittrice come Matilde Serao sia più o meno caduta nel dimenticatoio.

Nel migliore dei casi, nelle storie della letteratura italiana a questa scrittrice cui Anna Banti (altra grande dimenticata!) dedicò una monografia vengono assegnate — e con molta condiscendenza — soltanto poche righe.

Quasi superfluo dire che la monografia della Banti oggi risulta introvabile…

Di Matilde Serao conoscevo lo straordinario Il paese di cuccagna.

Ho trovato in questi giorni il volume che fa parte della Collana “Ottocento” de La Biblioteca di Repubblica, e in due giorni ho letteralmente divorato Il ventre di Napoli e i racconti di quella che Antonia Arslan nell’eccellente introduzione chiama la “trilogia femminile” e cioè La virtù di Checchina , Terno secco e O Giovannino o la morte.

Una scrittura sanguigna, plastica, alla Zola (per intendersi), una capacità straordinaria di far vedere e toccare ed odorare…

Una scrittura dirompente, troppo dirompente, forse: se la Serao avesse scritto meno e si fosse concessa il lusso di rivedere e limare sarebbe certo stato meglio. Ma, egualmente, e nonostante tutti i difetti “da eccesso” che si possono imputare a molti suoi testi, che ammirazione per questa scrittrice!

Il ventre di Napoli, poi, è (purtroppo!) ancora oggi di un’attualità davvero sconcertante.

Si trattava di un’inchiesta a puntate che nel 1884 l’allora ventottenne Matilde Serao pubblicò sul Capitan Fracassa per rispondere alla proposta del ministro Agostino Depretis di bonificare Napoli sventrandone i quartieri più poveri.

Il titolo riecheggiava volutamente quello di Le ventre de Paris, un celeberrimo romanzo di Emile Zola sulla dura realtà popolare parigina.

Napoli. Foto Alinari
Napoli. Alla Fontana, 1895ca, Archivi Alinari – Firenze
© Fratelli Alinari-Firenze.

Il ventre di Napoli  inizia così:

Efficace la frase. Voi non lo conoscevate, onorevole Depretis, il ventre di Napoli: Avevate torto, perchè voi siete il Governo e il Governo deve saper tutto. Non sono fatte pel Governo, certamente, le descrizioncelle colorite di cronisti con intenzioni letterarie, che parlano della via Caracciolo, del mare glauco, del cielo di cobalto, delle signore incantevoli e dei vapori violetti del tramonto; tutta questa retorichetta a base di golfo e colline fiorite, […] serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie. Ma il governo doveva sapere l’altra parte, il governo a cui arriva la statistica della mortalità e quella dei delitti; il governo a cui arrivano i rapporti dei prefetti, dei questori, degli ispettori di polizia, dei delegati […]
Quest’altra parte, questo ventre di Napoli, se non lo conosce il Governo, chi lo deve conoscere? E se non servono a dirvi tutto, a che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, a che questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?

 

Napoli. Foto Alinari
Napoli. Il giuoco della morra, 1895 ca, Archivi Alinari
©Fratelli Alinari Firenze.

Dobbiamo fare  proprio   uno sforzo per tenere a mente che si parla di ieri e non dell’ oggi …

Matilde Serao non era certo una donna avvenente, era sgraziata e per nulla elegante.

Matilde Serao

Eppure Edith Wharton, che conobbe la Serao a Parigi nell’esclusivo salotto della contessa de Fitz-James della quale la Serao era ospite fissa la descrive così:

“Tra le donne che ho incontrato là, la più straordinaria è stata senza dubbio Matilde Serao, la scrittrice e giornalista napoletana […]. Con il suo abbigliamento e la sua cadenza stridenti, appariva assurda in quel salotto, dove tutto era in penombra e in semitono — ma quando cominciava a parlare era padrona del campo […] Ella non parlava mai dall’alto, nè cercava di predominare nella conversazione, le interessava soltanto lo scambio di idee con persone intelligenti […] sapeva ascoltare e non si dilungava mai troppo su un argomento, ma interveniva con le sue battute al momento giusto, e lasciava spazio agli altri interlocutori. Ma quando era incoraggiata a parlare […] allora i suoi monologhi raggiungevano altezze superiori alla conversazione di qualsiasi altra donna che io abbia mai conosciuto. La viva immaginazione della narratrice (due o tre suoi romanzi sono magistrali) era alimentata da vaste letture e da una varia esperienza di classi e di tipi che le veniva dalla sua carriera giornalistica; e la cultura e l’esperienza si fondevano nello splendore della sua poderosa intelligenza”

Edith Wharton, Uno sguardo indietro. Autobiografia

 

  • Matilde Serao >>
  • Il libro >>

===

La foto di Matilde Serao al suo tavolo di lavoro è contenuta nel libro di Anna Banti Matilde Serao, Torino, Unione tipografico – Editrice torinese, 1965.

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a IL VENTRE DI NAPOLI E ALTRE STORIE – MATILDE SERAO

  1. annaritav ha detto:

    Una lettura forte, come dici tu, difficile pensare che non si parli della Napoli di oggi.  Grazie per questo doveroso omaggio a un'autrice trascurata. Buona Pasquetta, Annarita

  2. gabrilu ha detto:

    Annaritapiù che un "doveroso omaggio"   (che mi sa tanto  di  "imbalsamiamola e che  per piacere  non se ne parli più"   ) , questa volta il mio voleva essere un  vero e proprio   invito alla lettura.Ciao   e grazie  per il passaggio   

  3. talpastizzosa ha detto:

    ho letto Oblomov e l'ho trovato bellissimo. Gongarov ha scritto solo questo romanzo sembrerebbe ma è perfetto… un bellissimo romanzo.

  4. utente anonimo ha detto:

    ciao Gabri!!!!sono Giusi Meister:) ti ricordi ancora di me??ahahahagrazie per questo favoloso post sulla serao! volevo giusto leggere 'il ventre di napoli' e tu mi hai fornito questi splendidi documenti!anche il mio blog sulla letteratura israeliana è partito..:)un bacione e…sei sempre straordinaria1

  5. gabrilu ha detto:

    Giusi, ciao  :-)Ottima scelta, la Serao. Ma già che ci sono ti consiglio vivissimamente  anche  "Il paese di cuccagna".  Vulcanico  e attualissimo!Bella la notizia del tuo  neonato blog "israeliano"  ma… e l'indirizzo per poterti venire a trovare?????Attendiamo fiduciosi  🙂

  6. stephi ha detto:

    mi sia permesso 🙂  giusi meister

  7. gabrilu ha detto:

    Brava Stephi  per la immediata segnalazione e brava Giusi per l'iniziativa.

  8. Musetteontreno ha detto:

    E' sempre un gran piacere leggere i suoi commenti. La ringrazio molto, in particolare per la sua attenzione a Matilde SeraoMusette

  9. gabrilu ha detto:

    Grazie, Musette.Anche per l'occasione che mi hai dato (possiamo darci del tu,   spero) di conoscere il tuo blog, che ho trovato delizioso.Saluti a te e a Papillon 

  10. utente anonimo ha detto:

    il ventre di napoli è pubblicato da avagliano editore e da anni il libro vende e stravende. non si parla abbastanza di questa scrittrice, ma dire che è dimenticata… non so… avagliano ha pubblicato parecchi suoi libri ..
    daniela

  11. gabrilu ha detto:

    Daniela (innanzitutto  benvenuta).
    Dicendo "dimenticata" ho forse esagerato, ma ammetterai anche tu che  non è che quando entri in una libreria o ti capita di discorrere di letteratura italiana inciampi in pile di libri della  Serao o il nome di Matilde Serao sia uno di quelli più consigliati e/o citati…
    O sbaglio? Se sbagliassi, me ne rallegrerei  assai, credimi   🙂 
    Ciao e grazie

  12. utente anonimo ha detto:

    I am only a student of La Bella Lingua, an American, but I have found this amazing book in my library! And I'm delighted to see this website and the comments of other historic women of literature. As a tourist, I have enjoyed wonderful days in Naples, but I still read her newspaper every day with mixed feelings (as I believe she expresses)…speranza, deluzione ma sopratutto amore per una città e i suoi popoli, incantevole. Grazie voi!
    scole@seattleu.edu

  13. gabrilu ha detto:

     anonimo#12  (scole)
    Grazie a te!
    Mi rendo conto ogni giorno  di più che l'Italia  (non quella delle Istituzioni  etc. ma quella della cultura e delle  tantissime cose belle  di cui nonostante tutto è ancora ricca) è amata e apprezzata più dai cosiddetti stranieri che da quelli che  dovrebbero  occuparsene e curarsene di più, e  cioè dagli italiani.
    Ti ringrazio molto.
    Napoli (città splendida per  cultura, tradizioni, letteratura, risorse naturali  e di tutto e di più) ha oggi grandi problemi,  che però sarebbero meno grandi se soltanto tutti gli italiani  si rendessero conto una buona volta  che a  mettersi le dita negli occhi l'uno contro l'altro non è che ci si guadagni, anzi…
    Ma scusami, stavo  divagando.

  14. utente anonimo ha detto:

    una grande scrittrice che seppe  quardare   infondo ail anima dei napoletani
    colse i pregi dei suoi compaesani
    quardo aldila di tutto il lordumeche che copriva il popolo dei napoletani

  15. Luca ha detto:

    vedi “Cara Matilde” Lorenza Rocco Carbone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...