BRUXELLES – JACQUES BREL

>>>“C’était au temps où Bruxelles bruxellait…”<<<

Non sopporto l’aria sempre più mefitica che respiro nel BelPaese.

Mi concedo una piccola pausa di una decina di giorni.

À bien tôt …

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Spettacolo, Cose varie, Musica, presi dalla rete, viaggi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a BRUXELLES – JACQUES BREL

  1. annaritav ha detto:

    Buon viaggio, torna presto da noi!
    E intanto, tanti auguri di serenità
    Annarita

  2. utente anonimo ha detto:

    peccato che per una giusta causa non venga pubblicato in italiano, purtroppo le case editrici di sinistra pubblicano solo cazzate, non credi?
    guarda il mio video LA PRESa di potere di Saviano alla Mondadori, pubblicato su Milanosmarritatv, e vedrai..

    c bernieri 

  3. utente anonimo ha detto:

    per il momento il pleut sur rome, aussi; spero che a Bruxelles spunti il sole.
    divertiti e riposati dall'italia…monica

  4. gabrilu ha detto:

    Annarita
    Grazie, anche se in ritardo  🙂

    Bernieri
    Veramente io quando compro un libro non mi  pongo mai il problema se la casa editrice  sia considerata di destra o di sinistra.

    E' proprio una questione che non mi sfiora 

    …Ma visto che pari  di "Per una giusta causa": gironzolando in questi giorni nelle librerie di Bruxelles ho visto che in Francia "Pour  une giuste cause" è già stato pubblicato **anche**  nei tascabili economici… Insomma è alla portata di tutti.

    Monica
    Il mondo si è proprio capovolto, signora mia: i primi due giorni a  Bruxelles ho trovato quasi **trenta gradi**, uno scirocco che mi sentivo a Trapani in  estate, la gente in t-shirt, top, sandali infradito ed io… vestita di lana  e  disperata

    Per fortuna che  al terzo  giorno s'è tornati alla normalità, ed a belle e soleggiate giornate di primavera, temperatura calata di colpo di dieci gradi 

  5. valigiesogni ha detto:

    Mia cara, spero tu non sia ancora tornata ché l’aria del Belpaese sembra peggiorare. Mi sa che servono più di dieci giorni…   

  6. gabrilu ha detto:

    valigiesogni
    …dici che mi converrebbe  (e)migrare definitivamente?

    Eh. Ci penso spesso, molto spesso, in questi ultimi tempi…Effettivamente vorrei proprio andarmene, l'Italia in questo momento mi disgusta.

    Poi però penso che al mondo non esistono isole felici, penso  che  quello che  un giorno  in un posto è brutto, magari domani sarà  bello, e che  quel che in un posto oggi è (o sembra)  bello, domani può diventar brutto…

    Concetto espresso in modo  fumoso, ma chi  sa intendre sono sicura che intenderà.

    (La verità vera è che adoro i "non luoghi". Ma questa è  altra storia)

    Ciao 

  7. stephi ha detto:

    che tema attualissimo;) quello dell'espatrio…
     anzitutto un ben tornata! 
    sai, gabriella, io penso che il fatto di voler abbandonare un posto per un altro possa fare solamente riferimento ai propri ma proprio personalissimi paletti (intesi che stiamo parlando di un espatrio per scelta).
    e come te credo che non si sfugge perché il posto è bello o brutto, cioè lo sono tutti in una certa misura.
    e più prolungo le permanenze teutoniche più mi appaiono le bellezze italiche e questa constatazione non contiene nessuna vena polemiche. è semplicemente un dato di fatto.
    alla fine sono giunta che l'ideale sarebbe potersi suddividere l'esistenza nei vari posti amati;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...