LA VITA OGGI – ANTHONY TROLLOPE

Davis Suchet Augustus Melmotte
Augustus Melmotte interpretato da David Suchet
nella miniserie TV del 2001 della BBC

La vita oggi, scritto nel 1875 è, dalla critica, considerato il capolavoro di Anthony Trollope.

In questo sterminato romanzo vittoriano (più di mille pagine, ma di scorrevolissima e molto piacevole lettura) dalle multiple ramificazioni il centro è occupato da Augustus Melmotte, un finanziere senza scrupoli che lancia una vasta operazione speculativa in Inghilterra e in America per prendere in trappola investitori ingenui e sprovveduti.

Augustus Melmotte è descritto da Trollope come un uomo “di fisico piuttosto robusto, con folti favoriti, capelli fitti e disordinati, e sopracciglia marcate, […] la bocca e il mento che lasciavano trasparire un desiderio di potere così evidente da riscattare il volto da ogni volgarità; ma i lineamenti e l’aspetto erano, nell’insieme, sgradevoli e, potremmo dire, falsi. Dava a tutti l’impressione di essere prepotentemente orgoglioso del suo denaro”

Andato via da Parigi e da Vienna dove si dice abbia compiuto imprese grandiose ma molto poco chiare («si dava per certo che avesse costruito una ferrovia attraverso la Russia, rifornito l’esercito del Sud nella guerra civile americana, venduto armi all’Austria e che avesse, in un sol colpo, comperato tutto il ferro esistente in Inghilterra») ha trovato rifugio a Londra in cui sfrutta la confusione di idee di un’opinione pubblica che non sempre riesce ad individuare confini e differenze tra rischi del commercio e truffa pianificata.

Delle acrobazie speculative di Melmotte noi assistiamo all’ultima, quella della South Central Pacific and Mexican Railway, e cioè la costruzione di una ferrovia che deve partire da Salt Lake City e, diramandosi sulla linea San Francisco-Chicago, attraversare le terre del New Mexico e dell’Arizona ed infine sbucare nel Golfo al porto di Vera Cruz.

Il grandioso progetto non è altro, in realtà, che una vera macchina allestita per attirare e truffare piccoli azionisti, una colossale truffa che attira e travolge capitali, talenti, fortune ed entusiasmi provenienti da ogni parte dell’aristocrazia.

Davis Suchet Augustus Melmotte

Melmotte — violento, laido, volgare — è al suo secondo matrimonio, ma quel che sappiamo della attuale moglie è solo che si tratta di un’ebrea che viene dalla Boemia. Melmotte è anche padre di Marie, nata dal primo matrimonio.

Attorno gravita tutta una serie di personaggi dell’alta borghesia e dell’aristocrazia, la maggior parte dei quali privi di denaro e che, complessivamente, non sono — eticamente parlando — molto meglio di Melmotte. La loro unica superiorità deriva dal fatto che sono nobili ed inglesi. Benchè Melmotte presti loro del denaro (non perdendo mai di vista, ben inteso, il proprio tornaconto), lo guardano dall’alto in basso, lo tollerano con difficoltà e lo disprezzano.

Di questi personaggi — ciascuno dei quali protagonista a sua volta di sotto-trame che si intrecciano tra loro—, Trollope ci fornisce ritratti al vetriolo.

Tra i giovani Lord e Baronetti nullafacenti che ammazzano la noia con le carte e l’alcool in un club chiamato Beargarden, il più detestabile fra loro è senza dubbio Felix Carbury. Trollope non gli risparmia nulla. Felix ha tutti i difetti: senza un quattrino gioca d’azzardo, si ubriaca, mente, è carico di debiti che non può pagare, è pigro e, soprattutto, è adorato e letteralmente covato in modo insensato dalla madre, Lady Mathilde Carbury, che ne tollera tutti i vizi.

Lady Carbury è una vedova che si è messa in testa di fare la scrittrice per fini — come si suol dire — “alimentari”, e cioè per procurarsi i soldi per arrivare alla fine del mese e soprattutto per potere assecondare il figlio, al quale dedica tutte le sue attenzioni e tutto il suo amore a scapito di Hetta (Henrietta), la figlia femmina, che vorrebbe a tutti i costi far sposare con il cugino Roger Carbury, uomo agiato, intelligente ed onestissimo, che ama sinceramente Hetta la quale però, pur stimandolo molto, è innamorata di Paul Montague, il migliore amico di Carbury.

Facciamo anche la conoscenza della famiglia Longestaffe, il cui figlio Dolly (anche lui uno sfaccendato senza un quattrino) finirà comunque per avere un ruolo nella caduta di Melmotte e di suo padre Lord Alfred, completamente rovinato e debitore di Melmotte.

David Suchet as Melmotte

Melmotte, nel romanzo, non è certo l’unico, ad imbrogliare.

Giovanotti di ottima famiglia ma privi di denaro non esitano a pagare i loro debiti di gioco con “pagherò” di carta ed a fare la corte a ricche ereditiere con il solo scopo di accaparrarsene la dote

Nel mondo letterario, Lady Carbury, romanziera priva di talento fa di tutto per assicurarsi critiche favorevoli per far vendere i propri libri. Nel mondo del giornalismo non si intriga e si imbroglia di meno.

La frase magica, la frase assolutoria che nel corso di tutto il romanzo viene ripetuta di volta in volta più o meno da tutti i personaggi è: “La vita, oggi, è cambiata!”

Trollope colloca il suo romanzo (scritto nel 1875) a Londra, più o meno nel 1873 ispirandosi, per la trama, a una serie di scandali finanziari avvenuti negli anni Settanta.

La vita oggi è un grande romanzo-affresco che non solo non risparmia alcun settore della società, ma che si rivela di una modernità assolutamente sconcertante perchè prefigura curiosamente, certe speculazioni del ventunesimo secolo (e non solo).

Un aspetto del romanzo mi ha particolarmente colpita, e vorrei sottolinearlo.

In questa Inghilterra vittoriana descritta da Trollope, infarcita di rigidi principi e di rigidissime norme sociali, in cui tutti imbrogliano e sono a loro volta in qualche modo imbrogliati, le figure femminili del romanzo, Lady Mathilda Carbury, sua figlia Hetta, Marie Melmotte, Georgiana Longestaffe, Mrs. Winifred Hurtle (un’americana innamorata di Paul Montague la quale, per certi aspetti, ritroveremo in alcune celebri eroine di Henry James) e la giovane popolana Ruby Ruggles cercano di gestire la propria vita sentimentale in modo indipendente e secondo le proprie inclinazioni.

Cosa certo non facile, in una società in cui le donne hanno ben pochi diritti e sono troppo spesso costrette a matrimoni di convenienza.

Con le loro differenze, i loro pregi e i loro difetti, sono le donne, i personaggi più positivi del libro.

Questa particolare attenzione e sensibilità dimostrata da Trollope nei confronti del difficile ruolo della donna nella società vittoriana mi aveva già colpita in tutti i romanzi che fin qui ho letto: da L’Amministratore a Le torri di Barchester, da Il cugino Henry a Orley Farm a Lady Anna… A questo punto del mio “percorso trollopiano”, mi sento proprio di dire che questa è una delle caratteristiche della sua intera opera, e personalmente ne sono molto lieta.

La cifra stilistica di Trollope è lo sguardo cinico e distaccato con cui si volge ai fatti della vita ed a chi la popola, ma Trollope, oltre a divertire ed a far sorridere con la sua sempre presente eccezionale ironia riesce, nel mettere in scena la disonestà del suo tempo ad essere attuale in modo a volte addirittura inquietante.

La vera protagonista che il vittoriano Trollope mette in scena nel suo fluviale romanzo è infatti la disonestà politica, morale, intellettuale, perfino giornalistica, oltre che economica. Un quadro desolante di generale corruzione di un ieri che appare di sorprendente attualità alla luce dei fatti e delle caratteristiche della società civile e politica dei nostri anni

see Difficile, a me sembra, che il personaggio di Melmotte — il quale, grazie ai suoi maneggi ed alle sue speculazioni finanziarie e nonostante non possegga reti televisive e non disponga a suo piacimento di catene di giornali riesce persino a farsi eleggere alla Camera dei Comuni — non faccia venire in mente a qualsiasi italiano di oggi che non viva all’interno di una bolla un ben noto tycoon nostrano…

Ma per rimanere in ambito letterario: quante straordinarie coincidenze/congruenze ci sono tra l’Augustus Melmotte di La vita oggi (1875) di Trollope e l’Aristide Saccard di   La curée  (1872) e soprattutto de  L’argent  (1875) di Emile Zola!  Quante analogie con un certo mondo parigino descritto da Balzac!

Trollope è un ottocentesco signore vittoriano, ma per me costituisce ormai un classico perchè ciascuno dei suoi libri mi risultano essere — per citare il Calvino de “Perchè leggere i classici”“libri che quanto più si crede di conoscerli per sentito dire, tanto più quando si leggono davvero si trovano nuovi, inaspettati, indediti”

Trollope La vita oggi

Anthony TROLLOPE, La vita oggi (tit. orig. The way we live now)
traduz. Romano Carlo Cerrone, Piero Pignata, Nota Piero Pignata
due voll., 604, 604 pagine, Sellerio editore, Collana La Memoria
EAN 9788838925139

  • Anthony Trollope >>
  • La scheda del libro >>
  • La miniserie TV della BBC >>

Un episodio della miniserie TV della BBC. Su YouTube la si trova tutta per intero (almeno, sino ad oggi…)

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a LA VITA OGGI – ANTHONY TROLLOPE

  1. talpastizzosa ha detto:

    Leggendo le tue considerazione su Trollope ho subito pensato a Balzac anche se quest'ultimo credo che è unico … la Commedia umana con i suoi 137 libri è paragonabile, secondo il mio umile parere, solo alla Divina commedia di Dante. 

  2. annaritav ha detto:

    Il tuo gustoso e pastoso commento mi ha permesso di rivivere con piacere l'emozione della lettura di questo grande libro. Il consorte mi ha comperato il dvd della miniserie e mi accingo a gustarlo. E così lo si trova pure su Youtube, accipicchia, non penso mai a quella miniera di sorprese e di tesori. Però il dvd nessuno me lo può toccare!
    Salutissimi, Annarita

  3. carloesse ha detto:

    Lo sto leggendo adesso, e con soddisfazione. E' il mio primo Trollope, che da tempo mi incuriosiva per le tue precedenti segnalazioni di altri suoi romanzi. Ancora una volta debbo ringraziarti.

  4. gabrilu ha detto:

    talpastizzosa
    C'è molta affinità infatti con  parecchi temi trattati da Balzac (penso in particolare a "Splendori e miserie delle cortigiane" e "Le illusioni perdute, o "La Borsa") ma  l'analogia più stupefacente è con i due romanzi di Zola che ho citato nel post, in particolare con "L'Argent".

    Ci sono anche notevoli differenze, ovviamente. Il fatto che da una parte abbiamo un signore  inglese e vittoriano e dall'altra due francesi che più francesi non si può, tanto per cominciare 

    In quanto a Balzac = Dante… beh, capisci bnbene che qui il discorso si farebbe un  pò complicato…

    Annarita
    Tienitelo stretto, il DVD, soprattutto perché è un dono del tuo consorte 

    YouTube: ormai è diventato veramente  il Paese delle Meraviglie, non solo per la quantità di materiale che si trova ma  anche per la qualità, negli ultimi tempi migliorata enormemente anche grazie alla possibilità di caricare e visionare in  Full HD.
    Ciao!

    carloesse
    Tutte le volte che qualcuno mi dice di avere comprato o di stare leggendo un libro perché incuriosito da un  mio post sto con il fiato sospeso: da un lato sono ovviamente  molto gratificata, dall'altro mi sento anche troppo responsabilizzata…

    Spero che quando avrai terminato i due volumi tornerai a dirci le tue impressioni complessive, mi farebbe davvero molto piacere.
     

  5. carloesse ha detto:

    Se posso sollevarti dal tuo timore di ecessiva responsabilizzazione lo faccio con piacere: innazitutto perchè chi segue i tuoi consigli credo lo faccia perchè ti conosce, anche solo per ciò che scrivi qui, e ritiene di avere familiarità con i tuoi gusti ed i tuoi parametri critici.
    Poi perchè in ogni caso chi sceglie un libro lo fa sempre, alla fine, motu proprio, mettendo in conto oltre a critiche e consigli di chi l'ha letto, quel che sa sull'autore, sulle altre sue opere, sulle recensioni in genere, o anche (a volte) perchè semplicimente ispirato dalla copertina, dal titolo, da qualche capoverso letto a caso sfogliandoqua e là, e (perchè no) dal semplice odore della carta stampata.
    Ma soprattutto, in questo caso, perchè il romanzo è veramente bello, avvincente, e ancora così  terribilmente "attuale" letto a centocinquant'anni (o quasi) di distanza. 
    Ciao

  6. gabrilu ha detto:

    carloesse
    …ehm… dici che mi sono lasciata travolgere  dal delirio di onnipotenza?
    Sob. 

    Però  posso dire  che  son   contenta che il trollopone de  La vita oggi ti sia piaciuto? 

    Sulla trista attualità del tomone ho già detto nel post e qui  preferisco glissare, chè la cosa  mi  par   sin troppo vera, ohimè    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...