LA VOCE DI UN VIOLINO

soldato russo suona il violino1943. Un soldato russo suona il violino tra le macerie di un edificio distrutto.
Foto Yakov Khalip

(Fonte)

 

“In mezzo al condotto, con indosso una vecchia camicia d’ordinanza e in testa un berretto con la stella verde del fronte, suonava, a capo chino, un violinista.Vavilov vide che Krymov si era svegliato, si chinò su di lui e disse: “E´ Rubincik, il nostro barbiere, un graaande virtuoso!”. Ogni tanto, senza troppi complimenti, qualcuno interrompeva la musica con una battuta volgare; ogni tanto qualcuno urlava un ´posso parlare o no? coprendo il violino con la voce per fare rapporto al comandante; oppure era un cucchiaio a battere contro la gavetta, o il lungo sbadiglio compiaciuto di chi radunava il fieno prima di dormire. Dal canto suo il barbiere badava a che il violino non disturbasse i comandanti, pronto a interrompersi in qualsiasi momento. Ma perché Jan Kubelik, di cui Krymov si era appena ricordato, un Kubelik canuto e con la marsina nera, aveva fatto dietrofront al cospetto del barbiere dello Stato maggiore? Perché la voce esile e stridula del violino, quel motivetto semplice come un ruscello, esprimeva meglio di Bach e Mozart le profondità dell’animo umano?
[…]
Quella musica gli aveva fatto capire che cos’è il tempo. Il tempo è lo spazio trasparente in cui gli uomini nascono, si muovono e scompaiono senza lasciare traccia… […] Così è il tempo: tutto passa, lui resta. Tutto resta, il tempo passa. E com’è lieve, silenzioso il suo fluire. Ieri eri ancora sicuro, allegro, forte, figlio del tempo. Oggi un altro tempo è arrivato, ma tu non lo sai ancora. Dal violino di compensato del barbiere Rubincik usciva il tempo dilaniato dalla battaglia. Il violino diceva agli uni che era giunto il loro momento, agli altri che il loro tempo era scaduto. Scaduto, scaduto, pensò Krymov.”

 

Annunci

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Citazioni, Libri, Musica, Russia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a LA VOCE DI UN VIOLINO

  1. Alessandra ha detto:

    Sono andata a leggere la tua vecchia analisi su Vita e destino, e sono rimasta impressionata dalla tua capacità di focalizzazione e sintesi, oltretutto condotte con estrema chiarezza. Grossman non l’ho ancora affrontato, ma la tua recensione invoglia. Complimenti per il blog, dove mi sembra che qualità e quantità procedano tranquillamente a braccetto 😉 (ti ho scoperta da poco)

  2. Francesca ha detto:

    Uno tra i libri più importanti e belli che abbia mai letto Vita e Destino. Pagine d’intensità tragica, ma che aiuta a vivere. Indimenticabili la lettera della madre al figlio, che non rivedrà, e’ un libro che va letto con grande attenzione (cuore ed intelletto….)le citazioni su Grossman, sono state la ragione che mi ha avvicinato al tuo blog.

  3. dragoval ha detto:

    Che meraviglia rivedere Grossman tra le tue pagine…..
    [per il cinquantenario della morte l’edizione italiana di Per una giusta causa sarebbe stata la più degna celebrazione. Ma non si vede all’orizzonte, purtroppo]

  4. dragoval ha detto:

    ps Certamente il tuo blog è la più importante risorsa in lingua italiana su Grossman.
    Ma di certo sono in errore.
    Perché lo è non solo su Grossman.

  5. Francesca ha detto:

    Indimenticabile la lettera… Mi correggo.

  6. Winckelmann ha detto:

    Il discepolo ignorante ha letto e preso nota. Non so quando ma ci arriverò, vedrai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...