ISAAC B. SINGER E LE TRAPPOLE DELLA SCRITTURA

Isaac B. Singer

Isaac Bashevis Singer

[…] tanti pericoli […] insidiano gli autori di narrativa. I peggiori sono:

1. L’idea che lo scrittore debba essere un sociologo e un politico, e adeguarsi alla cosiddetta dialettica sociale.

2. La fame di denaro e di una rapida affermazione.

3. L’originalità forzata: vale a dire l’illusione che la retorica pretenziosa, le ricercate innovazioni di stile e il giocare con simboli artificiosi possano dare espressione alla natura essenziale e sempre mutevole delle relazioni umane, o riflettere le combinazioni e le complicazioni tra ereditarietà e ambiente.

Queste trappole della scrittura cosiddetta ´sperimentale’ hanno rovinato chi pure aveva del talento autentico; hanno guastato molta della poesia moderna, rendendola oscura, esoterica e senza più fascino. Un conto è dar sfogo all’immaginazione, ma la distorsione di ciò che Spinoza definiva ´l’ordine delle cose è tutt’altro davvero. La letteratura può ben descrivere l’assurdo, ma non dovrebbe diventare mai assurda essa stessa.

[…]

In generale, la narrativa non dovrebbe mai diventare analitica. Difatti, chi la scrive non dovrebbe neppure provare a infilarsi nella psicologia e nei suoi vari ´ismi’. La letteratura vera informa mentre intrattiene. Riesce a essere al contempo chiara e profonda. Ha il magico potere di mescolare causa e scopo, dubbio e fede, le passioni della carne con gli struggimenti dell’anima. » unica e generale, nazionale e universale, realistica e mistica. Mentre ammette che altri la commentino, non dovrebbe mai cercare di spiegare se stessa. Queste verità ovvie vanno ribadite con forza, perchè la critica fasulla e la pseudo-originalità hanno indotto uno stato di amnesia letteraria nella nostra generazione. La troppa ansia di trasmettere messaggi ha fatto dimenticare a molti scrittori che è il raccontare la raison d’être della prosa artistica.

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Citazioni, leggere e scrivere, Libri e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a ISAAC B. SINGER E LE TRAPPOLE DELLA SCRITTURA

  1. dragoval ha detto:

    La nostra letteratura ha sofferto particolarmente questo fenomeno degli ismi, che per lungo tempo ha condotto la critica letteraria a formulare un canone ideologico prima -e più – che estetico (penso ai Coralli einaudiani, alla storia della letteratura di Giulio Ferroni o di Alberto Asor Rosa). Penso ai tanti autori ignorati perché troppo borghesi o non sufficientemente impegnati, e rivalutati solo in tempi recenti anche e soprattutto grazie alla meritoria opera di Adelphi, o Laterza, o Bompiani, contrapposti al catalogo Feltrinelli o Editori Riuniti.
    Insomma: l’ideologia non c’entra con l’arte. Se l’opera (segnatamente qui l’opera letteraria) si rivela fallimentare sul piano estetico (la potenza dello stile, della storia, delle immagini, dei simboli), non varrà la più sublime purezza degli ismi a riscattarla.

    • gabrilu ha detto:

      @Dragoval
      purtroppo la iattura degli “ismi” non colpisce solo chi scrive, ma anche chi legge.
      Ricordo bene un periodo della mia vita in cui a far sapere che si stava leggendo (e per giunta, orrore, apprezzando!) un Proust, un Mann, un James si rischiava di venir guardati con sufficienza e nemmeno troppo mascherato disprezzo…
      E la chiudo qui, che è meglio 😉

  2. Agata (e la tempesta) ha detto:

    Ciao, ma questi “punti” sono contenuti nella raccolta di racconti?
    Mi trovo perfettamente d’accordo con l’ultimo tuo paragrafo mentre sto procedendo con la lettura de Il Regno di Carrère. Si fosse limitato a raccontare…

    • gabrilu ha detto:

      @Agata
      Le frasi in corsivo sono citazioni testuali da Singer. Sono stralci dalla “Nota introduttiva” scritta da Singer alla raccolta di racconti da lui stesso selezionati.
      Ti pare che io avrei potuto esprimere quei concetti bene come lui? 😉
      Ciao!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...