PROUST À LA TÉL&Eacute

Proust France 2

Ho appreso prima da questo post di Pierre Assouline e poi da segnalazioni che un proustiano (italiano)  d.o.c. mi ha inviato privatamente via mail che alla televisione francese — e precisamente su France 2 — è andato in onda nei primi giorni di febbraio, suddiviso in due parti, un telefilm (o sarebbe forse più opportuno definirlo uno sceneggiato?) intitolato “A la recherche du temps perdu” tratto dalla sterminata opera di Marcel Proust.

Presentazione dello sceneggiato >> qui

Nina Companez Proust
Nina Companez Proust
Nina Companez Proust
Nina Companez Proust

L’adattamento del testo proustiano e la direzione del telefilm è di Nina Companéez.

  • Questo il trailerufficiale
  • Ho trovato anche un video che contiene alcune riprese del making off e interviste alla regista ed agli attori >> qui

post-it… Ma soprattutto — e sono ben lieta di segnalarlo — è possibile già visionare on line, in streaming, l’intero sceneggiato:

  • La Prima Parte (andata in onda in data 01/02/11 >> 
  • La Seconda Parte (andata in onda in data 02/02//11) >>

Io me lo sto guardando, ancora non ho finito di visionarlo.

Ovvio che avrei avuto tanto da dire, su questo tentativo (che molti non esiterebbero a definire temerario) di fare della RTP un telefilm.

Ma molte delle cose che avrei detto le ha già scritte molto meglio di quanto avrei saputo fare io, Pierre Assouline, e dunque sarebbe perfettamente inutile e ridicolo da parte mia ripeterle.

Per un giudizio complessivo sull’opera…. beh.

Da una parte, non mi sento ancora di proferir (pardon: scriver) verbo senza aver prima completato la visione e dall’altra…. siccome stimo moltissimo Assouline e mi fido dei suoi giudizi… diciamo che mi sento molto ben disposta.

Intanto spero di far cosa utile e gradita ai proustiani italiani con queste segnalazioni e mi piacerebbe molto (ma questo probabilmente rimarrà solo un mio pio desiderio) se qualche proustiano o proustiana francese che frequenta questo blog (e ce ne sono, eh, ce ne sono, lo so…) che avesse visto lo sceneggiato ci dicesse le sue impressioni.

Informazioni su gabrilu

https://nonsoloproust.wordpress.com
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Spettacolo, Cinema, Francia, Libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a PROUST À LA TÉL&Eacute

  1. annaritav ha detto:

    Segnalato al consorte, grazie!
    Salutissimi, Annarita

  2. utente anonimo ha detto:

    Grazie di cuore per la segnalazione!!!
    Mi chiedevo in effetti se qualcuno avesse mai avuto il coraggio…. ( di cimentarsi con una trasposizione televisiva della Récherche…)
    Un saluto
    Dragoval

  3. utente anonimo ha detto:

    Wow! Segnalo subito a moglie cugina e vicini di casa!

  4. gabrilu ha detto:

    Annarita
    Il tuo consorte  me lo immagino    lettore raffinato, e magari a vedere lo sceneggiato  della RTP  a la tele gli sarà venuto il  mal di pancia.
    Io invece   l'ho apprezzato molto.
    Le argomentazioni che  potrei addurre a mia difesa sono moltissime, ma qui non  c'è spazio.

    Dragoval
    Alla  TV ancora no, in effetti.  
    Al cinema invece si.
    Ma per questo rimando  non tanto alle pagine che su Proust al cinema ho dedicato sul mio  sito  ma piuttosto, ed ancora, al post di  Pierre Assouline, con cui concordo totalmente.

  5. gabrilu ha detto:

    Stephi
    Grazie per la segnalazione.
    Conosco bene la corrispondenza con la madre, di cui a mia volta consiglio di leggere la biografia.

    Jeanne Weill   (chiamiamola, almeno  ogni tanto,  questa  donna con il suo nome e cognome!)  era una persona   davvero notevole, che merita di esser  ricordata e raccontata per lei stessa, e non solo perché era  "la madre di…".

    Ciao  🙂

  6. utente anonimo ha detto:

    Però UnAmore di swann  con Jeremy Irons e  Ornella Muti non era così male. Esteticamente tutti gli interpreti erano molto credibili…

  7. gabrilu ha detto:

    Anonimo #7

    Il film di Schoelendorf purtroppo non sono mai riuscita a vederlo, ma alcuni spezzoni che ho trovato su YouTube mi hanno fatto un'ottima impressione. Per esempio questo:

    Per giudicare qualunque film tratto o ispirato all'opera di Proust bisogna partire sempre dalla premessa (almeno, io la penso così) che si deve  giudicare il film in sé, e non paragonarlo **mai** al libro, altrimenti non se ne esce e non si va da nessuna parte.

  8. utente anonimo ha detto:

    Désolé, ce programme n'est plus disponible en rattrapage sur Pluzz.fr. 
    Peccato!
    Edoardo

  9. gabrilu ha detto:

    Edoardo
    Grazie per la segnalazione/precisazione.
    Appena ho un minuto di tempo modifico  il post.

    Immagino che la scomparsa del video sia  legato  a un problema di copyright.

    Questi non si rendono  conto che facendo assaggiare qualche petit  morceau   di Proust —- magari anche  solo   in telenovela  —-   magari  chissà,  ci potrà   poi esser qualcuno che  decide di leggersi la RTP in    libro,  in   integrale  e magari nell'ultima ipertrofica ed elefantiaca  edizione Pléiade.

    E che poi,  dopo aver letto   la RTP in integrale  Pléiade   magari avrà voglia di (ri)vederla in formato telenovela.

    Ma pazienza.  "Così va il mondo " diceva il Pangloss di Voltaire.

    E' gente miope, mi permetto  di chiosare.

    Amen.

  10. utente anonimo ha detto:

    ho visto la prima parte del film… mi sono rifiutato di vedere la seconda, Charlus è insopportabile, il narratore idem se non di più. Mal recitato, non aggiunge nulla, un esercizio di stile mal riuscito, non bisogna salvare tutto solo perché si parla di proust. non guardatelo.
    Stefano

    ps: due giorni fa sono stato a ILLIERS-COMBRAY,
    ESPERIENZA INTENSA ED EMOZIONANTISSIMA.

  11. gabrilu ha detto:

    Stefano
    Quanta foga!     Forse avevi aspettative troppo alte.  Sarà che io non  mi faccio mai illusioni, quando a qualcuno viene in mente di trasporre la RTP in un film, forse per questo  rischio  meno di  rimanere delusa.

    Si, Illiers-Combray è interessante, soprattutto perché sia il paesino che la casa non hanno proprio niente di particolare e proprio per questo si tocca con mano la grandezza della potenza ri-creatrice di Proust.

  12. utente anonimo ha detto:

    In effetti mi infervoro parecchio, e ho notato che col tempo peggioro, (miglioro ?! ) … 

    vorrei segnalare, ma forse li avete già visti, due film-docomentario  :

    "Une maison, un écrivain, Marcel Proust" 
    http://www.youtube.com/watch?v=hoM2gIAXHTI&list=FLrA4E26XSGB8_IwsLbWSAJQ&index=2&feature=plpp

    e "Marcel Proust, un vie d'écrivain"
    http://www.youtube.com/watch?v=LaoFPVJesGk&list=FLrA4E26XSGB8_IwsLbWSAJQ&index=21&feature=plpp

    Un saluto
    Stefano

  13. gabrilu ha detto:

    Stefano
    Due video molto istruttivi.

    Grazie,
    Non si finisce mai di   vedere…

  14. utente anonimo ha detto:

    Grazie per la segnalazione televisiva e complimenti per l'eccellente sito dedicato a Marcel, ricco di approfondimenti multimediali per tutti gli amanti della Recherche!

    Valeria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...