KLAUS MANN CONTRO LA BARBARIE

Klaus Mann Contre la barbarie
Klaus Mann, Contre la barbarie. 1925-1948, traduzione dal tedesco di Dominique Laure Miermont e Corinna Gepner, Prefazione di Michel Crépu, pp. 480, Points, Collection Points Essais, 2010

Klaus Mann lasciò la Germania, andando in volontario esilio nel 1933 ed esattamente il 13 marzo. Precisare la data è importante: due mesi prima infatti, in gennaio, Hitler era diventato Cancelliere.
Privato dai nazisti della sua nazionalità nel 1934, Klaus considerò questa sua messa al bando cosa di cui andare orgoglioso.

Contre la barbarie raccoglie sessantasette articoli, testi di conferenze, documenti mai pubblicati ritrovati negli archivi del Fondo Klaus Mann, testi di trasmissioni radiofoniche, lettere, interviste effettuate o rilasciate dallo stesso Klaus. La maggior parte di questi testi firmati dall’autore di Mephisto e de La svolta e che vanno dal 1925 al 1948 sono (per quel che mi risulta) ancora inediti in Italia nonostante la loro evidente importanza.
I testi qui raccolti non rappresentano che una piccola parte degli scritti politici di Klaus Mann, ma la loro pubblicazione è doppiamente importante non solo perchè costituiscono una preziosa documentazione su un drammatico periodo della storia europea, ma anche perchè molte delle considerazioni in essi contenute presentano elementi di sconcertante attualità.
Ancora una volta, non riesco a comprendere perchè certi libri rimangano inediti in Italia mentre altrove sono da anni disponibili anche in edizioni economiche… Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Attualita e Storia, Germania, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

LE DIABLE EN FRANCE – LION FEUCHTWANGER

 

Lion Feuchtwanger

“Da noi, in Germania, quando qualcuno viveva comodamente, si diceva che viveva ‘come Dio in Francia’. Questa espressione significava probabilmente che Dio si trovava bene in Francia, che vi si viveva liberamente e che si lasciava vivere gli altri, che l’esistenza vi era facile e comoda. Ma se Dio ci si trovava bene, in Francia, si poteva dire egualmente, e proprio in virtù di questa concezione del mondo così spensierata, che nemmeno il diavolo ci viveva male”

pallino

Lion Feuchtwanger

Lion Feuchtwanger, Le diable en France, tit. orig. Der Teufel in Frankreich, traduz. dal tedesco di Jean-Claude Capèle, Prefazione di Alexander Adler, Postfazione di Jean-Claude Capèle, pp. 360, Le Livre de Poche, 2012

Di Lion Feuchtwanger avevo parlato su NonSoloProust a proposito de I fratelli Opperman, un romanzo del 1933 straordinariamente lungimirante e profetico ricordato anche da Primo Levi ne Il sistema periodico.

Questo Le diable en France è, nella ricca bibliografia del prolifico autore ebreo tedesco, l’unico testo autobiografico. In esso Feuchtwanger racconta della sua prigionia in Francia nel 1940 nei campi di internamento di Les Milles e di Nîmes, della sua evasione e della sua rocambolesca fuga negli Stati Uniti attraverso Marsiglia e i Pirenei salvandosi così dalla morte sicura che avrebbe trovato se fosse caduto nelle mani dei nazisti.

Un libro che però è anche il racconto di un tradimento e l’espressione di un accorato sentimento di delusione. Vedremo presto perchè. Continua a leggere

Pubblicato in Attualita e Storia, Germania, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , | 12 commenti

E’ VERO, QUESTA VOLTA E’ STATA PIU’ LUNGA

…la consueta pausa estiva di NonSoloProust, intendo.

Ma si è trattato solo di una pausa, anche se più lunga del solito, non di un abbandono.

I motivi di questo lungo silenzio sono molti, non starò ad elencarli.  Ora però è solo questione di giorni e spero di riprendere.

Grazie a tutti coloro che in questi mesi  hanno continuato a passare da qui, a sfogliare, a leggere e (in pubblico o in privato) a scrivermi.

A prestissimo dunque  🙂

pausa
Pubblicato in Cose varie | 16 commenti

BERLINO. ULTIMO ATTO – HEINZ REIN

 

Berlino 1945

Berlino, 1945. Porta di Brandeburgo
(Fonte)

“Anche se forse la catastrofe alla fine inghiottirà tutti, reca con sé qualcosa che rende felici: la fine del maledetto Reich di Hitler.”

Berlino. Ultimo atto è il romanzo che il quarantenne giornalista tedesco Heinz Rein, che per le sue posizioni ideologiche aveva conosciuto le prigioni e i campi di lavoro della Gestapo scrisse immediatamente dopo la fine della Battaglia di Berlino e la dichiarazione di resa incondizionata della Germania. Pubblicato per la prima volta a puntate in Germania tra l’ottobre del 1946 e il febbraio del 1947, apparso subito dopo in volume e diventato immediatamente un best seller, Finale Berlin (questo il titolo originale) venne poi dimenticato. Sellerio lo pubblica adesso per la prima volta in Italia con la traduzione e la utilissima postfazione del germanista Mario Rubino.

Nel romanzo troviamo il dettagliato racconto delle ultime settimane che precedettero la resa della capitale del Terzo Reich, racconto in cui ai fatti storici realmente accaduti si intrecciano le storie di personaggi inventati da Rein ma molto emblematici e paradigmatici delle condizioni in cui venne a trovarsi la popolazione di Berlino nelle settimane del definitivo collasso. Continua a leggere

Pubblicato in Attualita e Storia | Contrassegnato , , , , , , , , | 3 commenti

VOLEVO TACERE – SÁNDOR MÁRAI

Sandor Marai Volevo tacere

Finalmente Adelphi ha pubblicato in italiano, nella traduzione di Laura Sgarioto, il terzo volume delle memorie di Sándor Márai.

Di questo libro avevo parlato   in  questo post del 2015.

La scheda del libro sul sito Adelphi >>

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

LA CAPANNA NELLA VIGNA. GLI ANNI DELL’OCCUPAZIONE. 1945-1948- ERNST JÜNGER

Ernst Junger La capanna della vigna
Ernst Jünger, La capanna nella vigna. Gli anni dell’occupazione, 1945-1948 (tit. orig. Die Hütte im Weinberg. Jahre der Okkupation), traduz. di Alessandra Iadicicco, pp.288, Guanda, Biblioteca della Fenice

Kirchhorst, 13 maggio 1945: “Incominciato con Isaia, che sin dal primo capitolo descrive una situazione simile alla nostra: la capanna nella vigna.´La vostra terra è desolazione, il fuoco brucia la vostra città; da stranieri mangiati i vostri campi, siete sepolti, dissolti, sommersi. La figlia di Sion è la capanna in una vigna, tettoia in una cocomeraia, borgo accerchiato.”

E’ dall’Antico Testamento e precisamente dal Libro di Isaia che Jünger trae il titolo di questo suo ultimo diario della Seconda Guerra mondiale, scegliendo un’immagine (la “capanna nella vigna”) che allude chiaramente alla vulnerabilità della Germania vinta e occupata nella quale i superstiti lasciati in vita dal “Geova degli eserciti” hanno impedito che la Germania subisse la stessa sorte delle città bibliche di Sodoma e di Gomorra.

Continua a leggere

Pubblicato in Attualita e Storia, Germania, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , | 14 commenti

IRRADIAZIONI. DIARIO (1941-1945) – ERNST JÜNGER

Ernst Junger Irradiazioni

Ernst Jünger, Irradiazioni. Diario (1941-1945) (tit. orig. Strahlungen), traduz. Henry Furst, pp. 540, Guanda, Biblioteca della Fenice, 1993-1995

“Irradiazioni: con ciò s’intende prima di tutto l’impressione che il mondo e i suoi oggetti hanno provocato sull’autore, il sottile intreccio di luci e di ombre che questi oggetti formano […] Esistono irradiazioni chiare e scure. Completamente scure sono quelle zone di terrore che, con la fine della Prima Guerra Mondiale, cominciarono a gettare la loro ombra sul nostro tempo e si allargarono paurosamente […]. Irradiazioni: il processo va inteso anche come effetto che l’autore opera sul lettore” (pp. 5-6).

Continua a leggere

Pubblicato in Attualita e Storia, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 10 commenti

GIARDINI E STRADE. DIARIO 1939-1940. IN MARCIA VERSO PARIGI – ERNST JÜNGER

 

Junger a Kirchhorst

Ernst Jünger nel suo giardino a Kirchhorst
U. Litzmann/Deutsches Historisches Museum Berlin

Kirchhorst, 16 aprile 1939

“[…] guardando dalla finestra, ho visto sulla strada i cannoni affrettarsi l’uno dietro l’altro verso est, quasi come in guerra alla vigilia di un grande combattimento. In queste settimane i tedeschi hanno occupato la Boemia, la Moravia e il Territorio di Memel, gli italiani sono entrati in Albania. Tutti segnali che indicano guerra in tempi brevi; farò bene a mettere in conto di dover presto interrompere il lavoro. E ciò accade a un punto in cui sento che mi si sta facendo un po’ più chiaro, e in cui il valore del tempo per me è molto aumentato. In tutti i casi, la penna dovrà riposarsi, perfino sul diario. Toccherà agli occhi, invece, farsi carico del lavoro, perché gli spettacoli non mancheranno”

La penna di Jünger, però, non riposerà. Per quasi dieci anni — dal 1939 al 1948 — annoterà minuziosamente nei Diari la sua partecipazione alla Seconda Guerra mondiale come Capitano della Wermacht prima e poi, dopo la disfatta tedesca, la vita sua e della sua famiglia nella Germania occupata dalle truppe delle potenze vincitrici.

Un racconto affascinante che mi ha riempito a tratti di stupore e meraviglia, che ha suscitato in me decine di interrogativi, che è risultato anche proficuamente spiazzante per chi, come me, è abituato a vedere/leggere la storia della blitzkrieg (la guerra lampo) di Francia, della battaglia di Parigi e degli anni dell’occupazione tedesca della capitale francese, dei tedeschi a Stalingrado e in Ucraina servendosi prevalentemente delle testimonianze e degli occhi di quelli che si trovavano “dall’altra parte”. I Diari di Jünger mi hanno fatto vedere e considerare molte cose da una prospettiva e con un’ottica che non mi è abituale. Ho letteralmente divorato i tre corposi volumi di cui è composta l’edizione italiana.

Giardini e strade è il primo di questi volumi.

Prima di iniziare a parlarne e di seguire Jünger dentro la guerra penso possa essere utile, però, fare qualche passo indietro. Il viaggio non sarà breve. Meglio dunque avviarsi con almeno un minimo di attrezzatura e di bagaglio. Continua a leggere

Pubblicato in Attualita e Storia, Germania, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 5 commenti